Francesca Prestia al Santuario di Paola

Nel Santuario di San Francesco di Paola, il 3 gennaio 2020, si è tenuto il tradizionale concerto natalizio “Facimu Natala“, promosso dalla Fondazione San Francesco di Paola onlus e dalla Basilica Santuario San Francesco di Paola, nell’ambito dei festeggiamenti in occasione del V Centenario della canonizzazione del santo calabrese.
Il Santo fondatore dell’ordine dei Minimi è stato riassunto in musica e parole dalla cantautrice Francesca Prestia, che si è impegnata a mettere in musica alcuni tra i più importanti e noti personaggi storici calabresi dando ulteriore spessore al suo percorso artistico culturale che la vede interprete di fatti e personaggi calabresi spesso dimenticati.

Qua sotto i filmati del concerto e i testi dei brani.

Francesca Prestia al Santuario di Paola

* * *

Duormi, bellizza mia!

Testo di Francesca Prestia ispirato al testo poetico di Vincenzo Padula (Acri 1819-1893)
Musica di Francesca Prestia

Duormi, bellizza mia, duormi e riposa,
chiuda ‘a vuccuzza chi pari ‘na rosa,
duormi scuitàtu, cà ti guardu iu,
zùccaru miu, zùccaru miu!
Duormi e chiudi l’occhiu, l’occhiu tunnu tunnu,
ca’ quannu duormi tu, dormi lu munnu;
dormi lu mari, dormi la timpesta,
dormi lu vientu, dormi la furesta.
U suonnu è ghiutu a cògliari jurilli,
pe’ fari ‘na curuna a ‘sti capilli,
e ‘ssa vuccuzza ‘e milu cannameli,
t’unta c’u meli, t’unta c’u meli .
Cu n’acu mmanu, è ghiutu supr’a luna,
a cùsari li stilli ad una ad una;
pu’ ti li mindi ‘n canna pi cannacca,
e ci l’attacca, e ci l’attacca .
Duormi, bellizza mia, duormi e riposa,
chiuda ‘a vuccuzza chi pari ‘na rosa,
duormi scuitàtu, cà ti guardu iu,
zùccaru miu, zùccaru miu

* * *

Shalom Adonài, la Pace sia

Testo e musica di Francesca Prestia

Shalom Adonài, shalom. (lingua ebraica)
I Irene tu Thiù methema. (lingua calabrogreca)
E qoftë Pàqja me ne. (lingua arbëreshë)
La Paisë dë Dii ilh es ab nos. (lingua occitana di Guardia Piemontese)

* * *

Francisco de Paula

Testo di Giovanni Sole e musica di Francesca Prestia

Io Franciscu de Paula minimo delli minimi,
maledico li principi della christianità
che tengono vita vuota
che tengono vita vuota
che tengono vita vuota
e senza charità.
Per soddisfare li vostri appetiti,
peggio di lupi rapaci e leoni,
assassinate e rubbate senza alcuna afflizione.
Verrà il tempo però
Verrà il tempo però
che il vostro rallegrare
muterà in lacrime amare.
Io Franciscu de Paula minimo delli minimi,
maledico li principi della christianità
Maledetti principi temporali,
avari al bene fare e prodighi al male fare,
spendete più di quel che avete in vanità
e siete acerrimi nemici della charità.
O christiani per usanza e non con verità,
a voi miseri ciechi dell’occhi e dell’anima,
che sventurati vivete in perenne confusione,
non aspettatevi altro che dannatione.E voi scelerati principi spirituali,
latroni compagni fedeli di Giuda Scariota,
tiranneggiate e spogliate i miseri vassalli
che morono di fame senza un tozzo di pane.
Io povero, servo e umile frate peccatore,
profetizzo che non ci sarà gratia per voi malandrini,
giacché per volontà di Giesù Christo benedetto,
nessuno male va impunito e nessuno bene inremunerato.
Io Franciscu de Paula minimo delli minimi,
maledico li principi della christianità
che tengono vita vuota
che tengono vita vuota
che tengono vita vuota
e senza charità.
Guai a voi bramosissimi tiranni,
verrà il tempo che ve ne pentirete e non vi gioverà.
Uno sterminato esercito di Santi Cruciferi,
estirperanno la mala herba e le pungenti spine
à mò dei buoni agricoltori nei fruttiferi campi
annienteranno ingiurie, sopraffationi e ingiustitie,
saranno divorati i corpi de li disventurati
nel mondo gli huomini fratelli saranno tornati.

* * *

Francisco de Paula

Rispondi